Ventilazione meccanica controllata degli interni ammessa al superbonus

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Aria Spa
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
Ventilazione meccanica controllata degli interni ammessa al superbonus

L’ecobonus 2021 è la detrazione IRPEF o IRES con le aliquote ordinarie (che vanno dal 50 al 75% in base alla tipologie di interventi) riconosciuta ai contribuenti che effettuano lavori per il risparmio energetico su edifici esistenti.

Per la VMC come ci dobbiamo comportare?

Dal Sole24ore l’articolo che conferma l’ammissibilità del Superbonus.

La conferma dell’ENEA

Grande novità dall’ENEA sull’ammissione della VMC al Superbonus 2021: i sistemi di ventilazione meccanica possono ottenere il Superbonus se la loro installazione avviene congiuntamente ad un intervento di coibentazione dell’edificio o di sostituzione degli impianti. Per ottenere la detrazione è necessario il rispetto di una serie di condizioni.

Il tutto è spiegato nella faq 16D dedicata alla Ventilazione Meccanica Controllata.

’Enea ha spiegato che, in base al paragrafo 2.3, punto 2, dell’Allegato 1 al Decreto “Requisiti Minimi” (DM 26 giugno 2015), nel caso di nuova costruzione, o di edifici sottoposti a ristrutturazioni importanti o a riqualificazioni energetica, ed in particolare qualora si realizzino interventi che riguardino le strutture opache delimitanti il volume climatizzato verso l’esterno, è necessario procedere alla verifica dell’assenza di rischio di formazione di muffe e di condensazioni interstiziali, in conformità alla UNI EN ISO 13788.

L’Enea ritiene che, se considerando il numero di ricambi d’aria naturale previsto dalla norma UNI-TS 11300-1 e provvedendo per quanto possibile alla correzione dei ponti termici, possa permanere il pericolo di formazione di muffe o condense in corrispondenza di essi, i sistemi di VMC rappresentino una valida soluzione tecnica.

L’Enea specifica che sono ammissibili esclusivamente i sistemi di Vmc dotati di recupero di calore, ovvero in grado di pre-trattare l’aria di ingresso grazie all’aria di espulsione.

Cosa deve fare il tecnico abilitato?

È però necessario che un tecnico abilitato alleghi come parte integrante e sostanziale dell’asseverazione una relazione tecnica dalla quale emerga che il sistema di Vmc installato è necessario per la minimizzazione del rischio muffe e condense, e garantisce un risparmio energetico rispetto alla situazione che prevede la massima correzione dei ponti termici, con un numero di ricambi d’aria naturale pari a quello previsto dalla norma UNI-TS11300-1.

Esprimi il tuo commento, per noi è importante!!!