legionella

Cosa sai sulla legionella e sulla legionellosi?

Ecco 5 cose che non sai ma che avresti sempre voluto sapere:

1 – La legionella NON si trasmette da persona a persona

La legionella non si trasmette da persona a persona. Il contagio avviene inalando acqua contaminata sottoforma di “aerosol” generati da rubinetti, docce ed impianti di umidificazione ecc.

Quando le piccole goccioline di acqua entrano a contatto con i polmoni, insorge l’infezione polmonare.

2 – Gli uomini sono i soggetti più a rischio

Sono considerati più a rischio i soggetti di sesso maschile, di età avanzata, fumatori, consumatori di alcool, affetti da malattie croniche e con immunodeficienza acquisita in seguito ad interventi terapeutici (trapianti d’organo, terapia con steroidi e antitumorali, ecc.) o infezione da HIV.

Ovviamente il rischio di acquisizione della malattia dipende dalle caratteristiche del batterio, dalla suscettibilità individuale e dalle condizioni ambientali.

3 La sua temperatura ideale è compresa tra i 25°C e 45°C

La temperatura dell’acqua è da tenere in forte considerazione quando si parla di legionella. Quindi prestare attenzione a:

  • H2O riscaldata (circuiti d’acqua calda, acque termali, ecc.);
  • H2O stagnante (acqua che viene poco utilizzata: presenza di ‘punti morti’ nella rete idrica);
  • aerosol (docce, vasche, lavandini, aeratori dei rubinetti, idromassaggi).

4 – La valutazione del rischio legionella è obbligatoria per ogni struttura turistico-recettiva

Strutture ospedaliere, hotel, impianti termali.

Le nuove linee guida stabiliscono che:

Per un’efficace prevenzione è d’obbligo che il gestore di ogni struttura turistico-recettiva effettui con periodicità (biennale, preferibilmente annuale) la valutazione del rischio legionellosi […]. La valutazione deve essere effettuata da una figura competente, responsabile dell’esecuzione di tale attività.”

Il gestore (responsabile) che non ottempera a quanto previsto da norme e leggi, risponde a titolo civile e penale degli eventi lesivi derivati agli avventori che abbiano contratto la Legionellosi.

5 – Ogni anno sempre più segnalazioni: 2014 nel 2017

La legionellosi è soggetta a obbligo di notifica nella classe II, ma dal 1983 è anche soggetta a un sistema di sorveglianza speciale  che raccoglie informazioni dettagliate in un apposito registro nazionale, che ha sede presso l’Istituto superiore di sanità (Iss).

Nel 2017 sono stati notificati all’ISS complessivamente 2.014 casi di legionellosi, con un incremento del 18% circa rispetto all’anno precedente:

Numero di casi e tasso di incidenza della legionellosi dal 2000 al 2017
Numero di casi e tasso di incidenza della legionellosi dal 2000 al 2017.
www.epicentro.iss.it

Noi di Aria SpA valutiamo lo stato tecnico-igienico degli impianti attraverso i campionamenti di liquidi. Questi ultimi vengono analizzati in un laboratorio accreditato il quale comunica se i valori rientrano nei limiti di accettabilità forniti dalle linee guida.

La soluzione sta nella prevenzione!

Ultime News:

Compila il form per richiedere subito la valutazione del rischio legionella: