Ospedali


PUBBLICAZIONI
repubblica italiana DECRETO 14 GENNAIO 1997 (detto decreto Bindi)

Decreto del Presidente della Repubblica recante requisiti minimi impiantistici per le sale operatorie e principali reparti ospedalieri. Per requisiti minimi impiantistici si fa riferimento alle dotazioni minime previste e ai parametri di resa prestazionale minima degli impianti. A pagina 18 si indicano i requisiti minimi per i reparti operatori.

repubblica italiana ATC-51-2

Antisismica ospedali ATC-51-2
Raccomandazioni congiunte Stati Uniti-Italia per il Controventamento e l’Ancoraggio dei Componenti Non Strutturali negli Ospedali Italiani.

ISPESL LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEGLI STANDARD DI SICUREZZA E DI IGIENE AMBIENTALE DEI REPARTI OPERATORI

ISPESL ha emesso un documento di linee guida per i requisiti minimi per i blocchi operatori. Al punto I.3.(4) si parla di Impianto di ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata.

Inoltre al punto II.1.A – Qualità dell’aria  – Caratteristiche microbiologiche in sala operatori – si indica la necessità di controlli costanti delle prestazioni dell’impiantistica a servizio delle sale operatorie ed il GdL a tal proposito ritiene opportuno seguire quanto già stabilito nell’ambito del GISIO e di utilizzare le indicazioni contenute nello specifico standard inglese(National Health Service – Health Technical Memorandum Ventilation in Health CarePremises, 1994) e nelle norme ISO 14644 e l’Annex I of EU Guide to GMP”Manufacture of sterile medicinal products” – European Commission, Directorate General III (1997).

repubblica italiana Decreto ministeriale 05 agosto 1977

Determinazione dei requisiti tecnici sulle case di cura private.

All’articolo 11 – Condizioni microclimatiche – vengono indicati i minimi impiantistici e le richieste minime  in merito ai parametri ambientali per il benessere termoigrometrico di pazienti e personale (esempio: temperatura, umidità relativa, …)

repubblica italiana Decreto del presidente del consiglio 27 giugno 1986

Atto d’indirizzo e coordinamento dell’attività amministrativa delle Regioni in materia di requisiti delle case di cura private. All’articolo 14 si parla di condizioni microclimatiche relative ai vari locali e servizi delle case di cura private.

repubblica italiana Decreto del ministro dell’Interno 18 settembre 2002

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie, pubbliche e private. Agli articoli 5.4.3 si parla di impianti aeraulici e caratteristiche per la prevenzione incendi.

Risonanza magnetica


PUBBLICAZIONI
ministero della salute DM 02 agosto 1991  (G. U. n. 194 del 20 agosto 1991 – Suppl. ord.)

Autorizzazione alla installazione ed uso di apparecchiature diagnostiche a risonanza magnetica.

inail Realizzazione alla regola dell’arte degli impianti di ventilazione nelle sale di Risonanza Magnetica.Indicazioni operative, esperienze, criticità
inail L’utilizzo della Risonanza Magnetica in veterinaria: criticità indicazioni e proposte operative per la gestione della sicurezza

A pagina 12 del testo si riscontra che anche nell’uso veterinario, i parametri di volumi ora che devono essere garantiti sono i medesimi dell’uso umano: 6/8 vol/ora in attività convenzionale e 18/22 vol ora in condizioni di emergenza.

Medicina Nucleare


PUBBLICAZIONI
repubblica italiana I reparti di medicina nucleare basano la loro attività sull’uso di radiazioni. Per questo i reparti di Medicina Nucleare devono essere realizzati con molte accortezze tecniche sia per la protezione degli operatori che per la protezione di pazienti, accompagnatori e persone che anche involontariamente si avvicinano a questi reparti.

Per quanto riguarda gli impianti di ventilazione tra i parametri più importanti ricordiamo i ricambi ora che devono essere garantiti con riferimento alle varie zone del reparto stesso.

I parametri di riferimento, visto la pericolosità degli isotopi lavorati in medicina nucleare, sono molteplici: portata aria, sovrapressioni, umidità relative, contaminazione microbiologica e radioattiva.

Risulta quindi estremamente importante verificare che tutti gli impianti e le attrezzature svolgano costantemente al meglio la loro attività attraverso validazioni periodiche secondo norme tecniche ISO 14644-1 e 2 Camere bianche ed ambienti associati controllati
– Classificazione della pulizia dell’aria, ….

Aria SpA declina ogni responsabilità per possibili errori od omissioni nella pubblicazione dei testi di legge, decreti e linee guida, nonché per eventuali danni derivanti dall’uso delle informazioni contenute nei testi riportati in queste pagine.
Si raccomanda, pertanto, di verificare sempre tali informazioni direttamente sulle fonti ufficiali.