impianti per la climatizzazione commerciale

Gli speciali di Expoclima sono sempre una fonte inesauribile di informazioni. Quest’ultimo in particolare dal titolo “Impianti per la climatizzazione commerciale: vademecum per una scelta efficiente” spiega come un’analisi approfondita degli ambienti nei quali saranno installati sia indispensabile per il corretto dimensionamento.

A partire dalle prescrizioni normative da rispettare, fino ai parametri di portata, qualità e filtrazione dell’aria, progettare un impianto di climatizzazione commerciale richiede tempo e competenze.

La normativa nazionale

La climatizzazione degli ambienti commerciali richiede particolare attenzione nella scelta della tipologia impiantistica per il fatto che tali attività sono estremamente energivore.

A livello nazionale infatti è stato stabilito che gli impianti di climatizzazione del settore commerciale, debbano innanzitutto rispettare i dettami legislativi nazionali relativi al risparmio energetico.

Decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 – “Regolamento di attuazione dell’articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia”.

E’ inoltre obbligatorio il rispetto delle prescrizioni nazionali in termini di sfruttamento delle fonti rinnovabili (Decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 – “Attuazione della diretti- va 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abroga- zione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE”).

Tipologie di impianti per la climatizzazione commerciale

  1. Impianti in espansione diretta per edifici di piccole e medie dimensioni: a partire dai semplici mono o multi split, fino ad arrivare ai più grandi e complessi impianti VRV Variant Refrigerant Volume o VRF Variant Refrigerant Flow.
  2. Rooftop per edifici di grandi dimensioni: sono unità plug and play monoblocco con batterie ed espansione diretta. Questo sistema integra in un’unica macchina: una Unità Trattamento Aria completa di gruppo di recupero del calore dall’aria, accoppiata ad una pompa di calore. Sono in grado di controllare la temperatura, il ricambio, la filtrazione, l’umidificazione e la deumidificazione dell’aria all’interno degli ambienti commerciali.

Il dimensionamento degli impianti

  • Temperatura interna ed umidità relativa: per garantire le condizioni di benessere devono essere garantite specifiche condizioni di temperatura operativa.
  • Portata aria di rinnovo:
portata aria esterna
indice di affollamento
  • Velocità dell’aria: La velocità media dell’aria nella zona occupata, deve essere compresa tra 0,05 e 0,20 m/s durante la climatizzazione estiva e tra 0,05 e 0,15 m/s durante il riscaldamento invernale.
  • Filtrazione: il livello di filtrazione dell’aria è direttamente proporzionale alla Classe della qualità dell’aria esterna
classi filtrazione aria