Prova di tenuta canali aria

prova tenuta canali aria

La prova di tenuta canali aria è il test di collaudo più importante per gli impianti aeraulici.
Eseguito secondo le norme tecniche di riferimento base per la ventilazione degli edifici, va a testare la quantità di aria che viene “persa” dal sistema aeraulico ad una determinata pressione.

COSA FACCIAMO

  1. raccogliamo i dati degli impianti da testare
  2. individuiamo la classe di tenuta richiesta in capitolato e aggiudicazioni
  3. eseguiamo il test con lo strumento WÖHLER DP 600 con display a colori e menu automatico
  4. rilasciamo una relazione tecnica contenente tutte le indicazioni a tempi e metodi di prova, strumenti utilizzati, circuiti testati e report.

COME OPERIAMO

  • chiusura/compartimentazione tratto da provare con tappi di copertura
  • posizionamento strumento di misura e sonde relative
  • calcolo superficie laterale tratto da provare
  • esecuzione test

prove di tenuta canali aria

CLASSI DI TENUTA

La classe di tenuta minima è scelta secondo i principi descritti di seguito, tuttavia, viene applicata una classe di tenuta più restrittiva nei casi in cui la superficie totale dell’impianto è eccezionalmente ampia rispetto alla portata totale, dove quindi la differenza di pressione attraverso i canali è molto alta, oppure nei casi in cui, per esigenze di controllo della qualità dell’aria, rischi di condensa o altro, sia da evitare qualsiasi tipo di trafilamento.

• Classe A
Le fughe d’aria delle UTA e nei locali tecnici con ventilatori devono essere almeno di classe A. La classe A è applicata anche alle canalizzazioni a vista negli ambienti in cui gli stessi canali garantiscono la ventilazione, e dove la differenza di pressione relativa all’aria interna (Indoor Air) è inferiore ai 150 Pa.

• Classe B
La classe B viene applicata a canali presenti in locali sprovvisti di ventilazione, a canali separati dall’ambiente con pannelli (es. canali in controsoffitto), o a canali posti in ambienti in cui viene fornita una ventilazione con una prevalenza superiore a 150 Pa. La classe B è quella minima per tutte le canalizzazioni di ripresa in ambienti soggetti a sovrappressioni, esclusi i locali tecnici.

• Classe C
La classe C è applicata caso per caso. Per esempio, se la differenza di pressione all’interno dei canali è eccezionalmente alta, o se qualsiasi perdita può risultare pericolosa per la qualità dell’aria interna, o per il controllo delle condizioni di pressione, o le funzionalità del sistema.

• Classe D
La classe D è applicata in situazioni particolari.


RIFERIMENTI NORMATIVI

UNI EN 14239:2002
Ventilazione degli edifici – Misura della superficie delle canalizzazioni.

UNI EN 12237:2004
Ventilazione degli edifici – Reti delle condotte – Resistenza e tenuta delle condotte circolari di lamiera metallica.

UNI EN 13779:2005
Ventilazione degli edifici non residenziali – Requisiti di prestazione per i sistemi di ventilazione e di condizionamento.

EN 1507:2008
Ventilazione degli edifici – Reti delle condotte – Resistenza e tenuta delle condotte rettangolari di lamiera metallica.

Per qualsiasi informazione compila il form qui di seguito.

Nome
Cognome
Azienda | Ente | Professionista
P.Iva e CF
Telefono
Email
Richiesta
Ricopia il codice
Ricopia il codice