La Svizzera e la qualità dell'aria nelle scuole

Il rientro a scuola è un o dei temi più scottanti degli ultimi mesi. Se un tempo i dubbi riguardavano solo gli orari provvisori e se gli insegnanti fossero stati nominati o meno, quest’anno la questione è ben diversa.

Il virus si diffonderà nuovamente? Torneremo a chiuderci in casa?

Non fasciamoci la testa prima di romperla. Dobbiamo AGIRE.

La Svizzera e la qualità dell’aria

Con il ritorno in classe della maggior parte degli scolari svizzeri si ripropone la questione della diffusione del covid-19 tramite aerosol, minuscole particelle di virus che si diffondono nell’aria. 

Se il ricambio d’aria non è ottimale e uno studente tossisce, in pochi minuti le particelle emesse – l’aerosol – si diffondono in tutto l’ambiente. Così, oltre a raccomandare la frequente ventilazione delle aule, l’associazione il mantello degli insegnanti chiede ora di installare nelle classi strumenti per la misurazione della qualità dell’aria.

In effetti, una volta indottrinati verso le mascherine e il gel lavamani, ci sono altre cose da tenere in considerazione per la diffusione del visrus (dei virus in generale!!) tra le quali, sapere cosa respiriamo è sicuramente importante.

Nei locali chiusi dove non c’è circolazione d’aria c’è una discreta possibilità che qualcuno sia stato infettato con il covid-19. E questo anche se la persona positiva ha già lasciato la stanza da alcuni minuti”, spiega Martin Sturmer, virologo dell’Università di Francoforte. (guarda il video qui)

Martin Sturmer, virologo dell'Università di Francoforte

La ventilazione meccanica controllata

Quanto il virus si diffonda effettivamente tramite aerosol è tuttora oggetto di studio. Ma sicuramente un corretto ricambio d’aria è il primo passo da mettere in atto.

Per fortuna la tecnologia ci viene in aiuto, specie quando aprire le finestre non basta.

La Ventilazione Meccanica Controllata è un sistema molto semplice per il ricambio automatico dell’aria.

E’ una tecnologia messa a punto nel momento in cui si cominciò a ragionare sul modo di costruire case che consumassero meno energia per essere scaldate. Con l’installazione di serramenti a tenuta stagna si è raggiunto l’obbiettivo della riduzione dei consumi energetici, ma la salubrità dell’edificio ne ha risentito.

Un impianto di VMC permette di vivere in un ambiente correttamente areato in quanto consente di avere aria ricca di ossigeno senza sperperare calore all’esterno.

Elimina gli inquinanti indoor risparmiando energia, tiene sotto controllo l’umidità relativa e di conseguenza elimina la muffa.